FullScreen

2 FEBBRAIO 2015
“ESTENSIONI”
Vittoria Markov

Auditorium Parco della Musica

Viale Pietro de Coubertin, 30 – Roma

Ritmi Sotterranei di nuovo sulla scena romana a sorprenderci per la loro versatilità ed il loro eclettismo.

Dopo aver calcato palcoscenici teatrali, [RITMI SOTTERRANEI] contemporary dance company saliranno in passerella e saranno protagonisti dell’evento “ESTENSIONI”, la sfilata performativa dell’Accademia delle Belle Arti di Frosinone che fa parte della settimana dell’ alta moda romana AltaRoma AltaModa. L’evento, una vera e propria performance multimediale, si terrà lunedì 02 Febbraio alle ore 16 presso la tensostruttura adiacente l’Auditorium Parco della Musica di Roma. Il progetto ESTENSIONI si articola sull’idea di guardare oltre: estensioni di identità che si propongono di innalzarsi oltre il limite sartoriale della forma, di spingersi più in là dei limiti del corpo, interfacciandolo con la tecnologia. E lo sguardo lungimirante e la vivacità creativa della coreografa e performer (nonché docente della stessa Accademia) Alessia Gatta, regista della presentazione delle collezioni di Zhara Sabieri e Rosa Maria Gonnella, si rivela una scelta acuta. Gatta, infatti, si è sempre distinta per la sua spiccata capacità di lettura dei fenomeni visivi e dei comportamenti presenti nella società. Fenomeni e comportamenti che con sapienza traduce, nelle sue produzioni, nei gesti di una danza diagrammatica. Nella collezione “My new cyberpunk” della Gonnella, la sinergia tra le geometrie delle forme degli abiti e la gestualità prepotente e autentica della danza urbana promettono una performance di forte impatto e dalla spiccata contemporaneità. I danzatori dei Ritmi Sotterranei, Gioele Coccia, Marco Grossi, Giacomo Sabellico, Viola Pantano, Eleonora Colasanti, Gioia Giglio interpretano gli abiti, e sottolineano la loro anima attuale e autentica con un’energia impetuosa che sembra voler erompere da asole e impunture, pur rispettando meticolosamente il rigore delle linee sartoriali. Il grido di libertà lanciato da Zhara Sabieri nella sua collezione Donna contro Donna, intrisa di un forte simbolismo cromatico, è uno spaccato sulla situazione sociale femminile in Iran, che Gatta sottolinea con una performance in cui alle frangiature dell’abito corrispondono le sfrangiature dell’animo di una donna, Vittoria Markov, che alterna, ad un incedere spedito e sicuro, cedimenti e riprese. La promozione di un prodotto moda attraverso lo sviluppo di un progetto artistico, che usa i corpi dinamici dei ballerini per sottolineare la ricercatezza delle creazioni sartoriali, si rivela un modo innovativo ed efficace per “vivere”, “sentire” e “proporre” la moda oggi.